Regno Unito: sintesi delle modifiche alla normativa antiriciclaggio

Il 10 gennaio 2020, è entrata in vigore la quinta direttiva sul riciclaggio di denaro (UE) 2018/843 (5MLD).

Il 20 dicembre 2019, il governo del Regno Unito ha presentato al Parlamento la legislazione di attuazione, Money Laundering and Terrorist Financing (Amendment) Regulations 2019 (MLR 2019), che modifica il Money Laundering, Terrorist Financing and Transfer of Funds (Information on the Payer) Regulations 2017 (MLR 2017 e insieme il MLR 2019, MLRs).

La 5MLD espande l’ambito delle attività a cui si applica il regime antiriciclaggio del Regno Unito (ad esempio, consulenti fiscali, agenti immobiliari e scambi di cripto-beni), oltre a modificare una serie di requisiti sostanziali.

Con la prevenzione della criminalità finanziaria in cima all’agenda per i legislatori del Regno Unito, europei e internazionali, è importante assicurarsi che le politiche e le procedure siano pienamente conformi ai più specifici dettagli contenuti negli MLR pubblicati di recente.

La presente nota contiene un breve riassunto delle modifiche rivolte alle relevant persons (le persone rilevanti) ai sensi dell’MLR 2019.

L’MLR 2019 estende l’elenco delle relevant persons che rientrano nell’ambito di applicazione per includere:

  1. I soggetti che forniscono assistenza in materia fiscale;
  2. agenti immobiliari;
  3. partecipanti al mercato dell’arte; e
  4. fornitori di scambio di criptovalute e custodian wallet providers.

L’MLR 2017 richiede alle società madri interessate di stabilire, di mantenere ed estendere a tutte le sue controllate (costituite nel Regno Unito o altrove) le  politiche, i controlli e le procedure del gruppo su:

  1. protezione dati; e
  2. condivisione di informazioni allo scopo di prevenire il riciclaggio di denaro con altri membri del gruppo.

MLR 2019 include le politiche “sulla condivisione di informazioni su clienti, conti e transazioni dei clienti”.

Se una relevant person utilizza agenti per aiutare a prevenire, identificare o mitigare il rischio di riciclaggio di denaro sporco nella propria attività, deve assicurarsi che questi agenti:

  1. siano a conoscenza della legge sulla protezione dei dati e la protezione dei dati; e
  2. ricevono una regolare formazione

In base al MLR 2017, alcuni prodotti di moneta elettronica a basso rischio sono stati esentati dai requisiti CDD (Clients’ Due Diligence). Il MLR 2019 riduce queste soglie in modo che l’esenzione si applichi solo quando sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni:

  1. l’importo massimo che può essere immagazzinato elettronicamente è di 150 euro (precedentemente 250 euro);
  2. lo strumento di pagamento utilizzato in relazione alla moneta elettronica non è ricaricabile o ha un limite massimo per i pagamenti mensili di 150 EUR, che può essere utilizzato solo nel Regno Unito (precedentemente 250 EUR);
  3. lo strumento di pagamento è utilizzato esclusivamente per l’acquisto di beni e servizi;
  4. la moneta elettronica anonima non viene utilizzata per finanziare lo strumento di pagamento; e
  5. eventuali rimborsi in contanti o transazioni di pagamento in remoto non superano i 50 EUR per transazione (precedentemente 100 EUR) .

Il MLR 2019 vieta inoltre agli istituti finanziari di accettare pagamenti effettuati utilizzando carte prepagate anonime emesse in paesi extra-UE, a meno che tali carte non-UE soddisfino requisiti equivalenti alle norme AML dell’UE per tali prodotti. Questo requisito entrerà in vigore il 10 luglio 2020.

Il MLR 2019 chiarisce che le relevant person possono utilizzare l’identificazione elettronica per completare la CDD, a condizione che i mezzi scelti siano protetti da frodi e abusi e fornisce un livello adeguato di garanzia che la persona che rivendica la propria identità sia in realtà quella persona.

Il MLR 2019 aggiunge un’altra situazione in cui le relevant person devono applicare misure CDD: in cui la persona interessata assume tutti gli obblighi legali nel corso dell’anno civile di contattare un cliente esistente al fine di rivedere qualsiasi informazione che:

  • è rilevante per la valutazione del rischio per quel cliente; e
  • si riferisce alla proprietà effettiva del cliente, comprese le informazioni che consentono alla persona interessata di comprendere la proprietà o la struttura di controllo di una persona giuridica, un trust, una fondazione o un accordo simile che è il beneficiario effettivo del cliente.

Le altre modifiche al regime CDD si concentrano anche sulla titolarità effettiva. Di seguito sono riportati alcuni esempi.

  • Laddove un cliente sia una persona giuridica e il proprietario effettivo non possa essere identificato, le persone interessate devono invece adottare tutte le misure ragionevoli per verificare l’identità del dirigente superiore. La persona interessata deve tenere un registro dettagliato di tutte le azioni intraprese per farlo e di eventuali difficoltà incontrate nel farlo.
  • Laddove un cliente sia una persona giuridica, un trust, una società, una fondazione o un accordo giuridico simile, la persona interessata deve adottare misure ragionevoli per comprendere la proprietà e la struttura di controllo di tale persona giuridica, trust, società, fondazione o un accordo giuridico simile.
  • Prima di stipulare un nuovo rapporto commerciale con una società soggetta a requisiti di registrazione della proprietà effettiva (vale a dire il regime PSC), la persona interessata deve raccogliere dalla società:
  • La prova della registrazione della società nel registro del PSC; o
  • un estratto del registro del PSC.

Laddove la relevant person identifica una discrepanza tra le informazioni sulla proprietà effettiva disponibili nel registro del PSC e le informazioni fornite dalla società nel corso del CDD, deve segnalarle a Companies House.

Il MLR 2017 richiede alle persone rilevanti di condurre una procedura rafforzata dei controlli sul cliente (Enhanced customer due diligence- EDD) nei casi in cui:

  1. una transazione risulta particolarmente complessa o insolitamente di grande portata, oppure esiste uno schema insolito di transazioni; e
  2. l’operazione o le transazioni non hanno scopi economici o legali apparenti.

5MLD estende il requisito esistente di effettuare un monitoraggio rafforzato di qualsiasi relazione commerciale o transazione con una persona “stabilita” in un paese terzo ad alto rischio in modo da coprire qualsiasi relazione o transazione “che coinvolge” un paese ad alto rischio. Tuttavia, MLR 2019 chiarisce che nel Regno Unito “coinvolgere” significa:

  1. intraprendere una relazione d’affari con una persona stabilita in un paese terzo ad alto rischio; o
  2. una transazione soggetta a CDD, alla quale entrambe le parti sono stabilite in un paese terzo ad alto rischio.

A tal fine, essere “stabilito in” un paese terzo significa:

  1. nel caso di una persona giuridica, essere costituita o avere la sua sede principale di attività in quel paese, o, nel caso di un ente finanziario o di un ente creditizio, avere la sua principale autorità di regolamentazione in quel paese; e
  2. nel caso di un individuo, essere residente, e non semplicemente nato, in quel paese.

I “paesi terzi ad alto rischio” rimangono quelli identificati dalla Commissione europea in quanto tali, sebbene il 5MLD allarghi i criteri di valutazione, suggerendo che l’elenco probabilmente aumenterà.

Il MLR 2019 contiene una serie di requisiti aggiuntivi per i rapporti commerciali o le transazioni che coinvolgono una parte “stabilita” in un paese ad alto rischio:

1: ottenere ulteriori informazioni su:

  • il cliente, e il / i proprietario / i effettivo / i ;
  • la natura prevista della relazione d’affari;
  • la fonte di fondi e la ricchezza del cliente e il / i proprietario / i effettivo / i; e
  • i motivi delle transazioni previste o eseguite.

2: ottenere l’approvazione dell’alta dirigenza per stabilire o proseguire il rapporto commerciale;

3: svolgere un monitoraggio continuo rafforzato delle relazioni commerciali aumentando il numero e la tempistica dei controlli applicati e selezionando modelli di transazioni che richiedono un ulteriore esame.

Ai sensi del MLR 2019, il Regno Unito ha tempo fino al 10 settembre 2020 per istituire un meccanismo automatizzato centralizzato – come un registro centrale o un meccanismo di recupero elettronico dei dati – che consenta l’identificazione di persone fisiche e giuridiche che detengono o controllano conti bancari, conti di pagamento o cassette di sicurezza nel Regno Unito.

Gli enti creditizi o i fornitori di servizi di sicurezza e custodia devono rispondere pienamente e rapidamente alle richieste delle autorità o della Gambling Commission. I registri dei clienti devono essere conservati per cinque anni dopo la chiusura del conto o della cassetta di sicurezza.

image_pdfDownload Pdfimage_printPrint

Richiedi maggiori informazioni

Giurisdizione (richiesto)

Nome e cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Telefono (richiesto)

In che giorno preferisci essere ricontattato?

In che orario?
minuti

Note

Leave a Comment