Regno Unito: responsabilità personale degli amministratori di società insolventi

Un fornitore non pagato da una società a responsabilità limitata in stato di liquidazione ha avuto esito positivo nel risarcimento danni nei confronti dell’amministratore della società e del vicedirettore. Questo, nonostante nessuno dei due registri avesse fornito garanzie personali.

La società non aveva risorse finanziarie indipendenti ed il vicedirettore era il suo unico finanziatore. Quest’ultimo, ha smesso di finanziare la società e ha cercato di risolvere il contratto con il fornitore. Non solo si trattava di una violazione del contratto, ma i fondi disponibili erano stati deviati verso una nuova società istituita dal vicedirettore per intraprendere la stessa attività della società in liquidazione.

Il Tribunale ha riconosciuto il vicedirettore come il principale decisore, ma sia lui che l’amministratore hanno tentato di utilizzare, irragionevolmente, la personalità giuridica separata della società per evitare di pagare il debito dovuto.

Il vicedirettore era considerato responsabile per aver indotto una violazione del contratto ed entrambi erano responsabili per interferenze illecite. Tuttavia, non c’era nulla di “illegale” nel fatto che il vicedirettore avesse smesso di finanziare la società, quindi non era responsabile in caso di illeciti mezzi di cospirazione.

Non è sempre necessario “perforare il velo aziendale” affinché i richiedenti recuperino personalmente le perdite dagli amministratori e potrebbe essere possibile perseguire gli amministratori sulla base della propria condotta.

image_pdfDownload Pdfimage_printPrint

Richiedi maggiori informazioni

Giurisdizione (richiesto)

Nome e cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Telefono (richiesto)

In che giorno preferisci essere ricontattato?

In che orario?
minuti

Note

Leave a Comment