Svizzera: Abolizione delle azioni al portatore

Il 21 giugno 2019, l’Assemblea federale ha adottato una nuova legge federale che attua le raccomandazioni del Forum globale sulla trasparenza e lo scambio di informazioni a fini fiscali. Il Global Forum Act introduce le seguenti modifiche:

  • l’abolizione della quota al portatore. Esistono eccezioni per le società quotate in borsa e per le azioni al portatore emesse sotto forma di titoli intermediari.
  • Le azioni al portatore esistenti che non rientrano nel regime di esenzione devono essere convertite in azioni nominative. Le azioni al portatore ancora in circolazione 18 mesi dopo l’entrata in vigore del Global Forum Act saranno automaticamente convertite in azioni nominative.
  • Gli azionisti al portatore che non hanno rispettato i loro obblighi di rendiconto ai sensi dell’articolo 697i del Codice delle obbligazioni svizzero e che non rispettano tali obblighi dopo la conversione delle loro azioni al portatore in azioni nominative rischiano la perdita (irreversibile) di tutti i diritti.
  • La violazione degli obblighi di divulgazione della proprietà benefica potrebbe comportare ulteriori sanzioni penali.
  • Saranno multati i membri del consiglio di amministrazione o gli amministratori delegati che deliberatamente omettono di conservare, correttamente, il registro delle azioni o il registro dei titolari effettivi.

Il Global Forum Act dovrebbe entrare in vigore il 1 ° gennaio 2020 e si applicherà direttamente a tutte le società esistenti. Di conseguenza, tutte le società di capitali svizzere e le società a responsabilità limitata e i loro azionisti devono eventualmente intervenire. Affinché la società per azioni con azioni al portatore non sia interessata dal nuovo regime, è consigliabile la conversione delle azioni al portatore emesse in azioni nominative entro il 1 ° gennaio 2020. Pertanto, si richiede:

  • una conversione proattiva delle azioni al portatore esistenti in azioni nominative al fine di preservare la capacità dell’azienda di agire.
  • Una notifica proattiva alle autorità competenti del registro di commercio in caso di applicazione di una normativa sul porto sicuro per le azioni al portatore (titoli azionari quotati o azioni al portatore emessi come valori mobiliari).
  • Di garantire che i titolari di azioni al portatore rispettino i loro obblighi di dichiarazione statutaria.
  • Di garantire che il registro delle azioni e il registro dei beneficiari siano tenuti in conformità con la legge.
  • Per i finanziatori: verificare se eventuali azioni al portatore sono soggette a un interesse di sicurezza in accordi di credito esistenti e avviare il lavoro per sostituire tale titolo con azioni nominative o altre attività.

Dopo l’entrata in vigore del Global Forum Act, le società i cui titoli azionari non sono quotati in borsa e che non desiderano emettere le loro azioni come titoli intermedi non potranno  più emettere azioni al portatore. Le società che non rientrano nel regime di esenzione devono convertire tutte le azioni al portatore che sono già state emesse in azioni nominative.

Se la conversione non viene effettuata entro 18 mesi, ovvero entro il 1 ° luglio 2022, le azioni al portatore esistenti saranno automaticamente convertite in azioni nominative. In questo caso, le azioni convertite mantengono il loro valore nominale, il loro rapporto di remunerazione e il loro status rispetto ai diritti di appartenenza e pecuniari e rimangono completamente trasferibili. In caso di conversione per effetto di legge, la società deve adeguare il suo statuto alle nuove circostanze. Finché non è stata apportata la modifica pertinente, ogni domanda di registrazione di un altro emendamento allo statuto sarà respinta dalle competenti autorità del registro commerciale.

Dopo che le azioni al portatore sono state convertite in azioni nominative, quegli (ex) azionisti al portatore che hanno adempiuto ai loro obblighi di comunicazione ai sensi dell’articolo 697i del Codice delle obbligazioni svizzero saranno iscritti nel registro delle azioni.

Le azioni al portatore rimangono ammissibili se i titoli azionari della società per azioni interessata sono quotati in una borsa o se le azioni al portatore assumono la forma di titoli intermediati e sono depositati o registrati nel registro principale di un intermediario con sede in Svizzera e designati dall’ azienda. In questo caso, la società deve informare l’autorità competente del registro di commercio entro 18 mesi dall’entrata in vigore del Global Forum Act (ovvero, entro il 1 ° luglio 2022).

Gli azionisti che non hanno rispettato l’obbligo di segnalazione ai sensi dell’articolo 697i del Codice delle obbligazioni e che non possono essere iscritti nel registro azionario dalla Società dopo la conversione delle azioni al portatore da essi detenute, non possono esercitare i loro diritti di appartenenza. Inoltre, tutti i diritti pecuniari che sorgono sono confiscati fin tanto che la relativa notifica non è stata fatta. Sorprendentemente, la nuova legge stabilisce che non è più possibile fare una notifica ai sensi dell’articolo 697i del Codice delle obbligazioni alla società al fine di riguadagnare tutti i diritti connessi alle azioni dopo che è avvenuta la conversione in azioni nominative: al contrario, un azionista (ex) al portatore può, entro cinque anni dall’entrata in vigore del Global Forum Act, presentare domanda al tribunale competente per l’iscrizione nel registro azionario. Tuttavia, tale domanda richiede il preventivo consenso della società. Non è chiaro a quali condizioni l’azienda debba dare il suo consenso.

   Se la domanda di registrazione in questione non viene presentata entro il periodo di cinque anni, le azioni interessate diventeranno automaticamente nulle e prive di valore e saranno sostituite dalle azioni proprie della società. Il consiglio di amministrazione può quindi disporre liberamente di tali azioni.

Gli azionisti le cui azioni sono diventate nulle e prive di valore per proprio conto possono chiedere un risarcimento alla società entro un periodo di dieci anni; presupposto è la prova della proprietà delle azioni nel momento in cui sono diventate nulle. La compensazione si basa sul minore tra (i) il valore effettivo della quota al momento della conversione e (ii) il valore delle azioni al momento in cui viene rivendicata la richiesta. Il risarcimento è sempre escluso se la società non dispone di un capitale disponibile per procedere al pagamento.

Oltre alle nuove disposizioni relative all’ abolizione delle azioni al portatore, il Global Forum Act introduce alcuni chiarimenti in relazione alle norme sulla divulgazione proprietaria che sono entrate in vigore il 1 ° luglio 2015:

  • in primo luogo, si chiarisce che una persona giuridica o una società, in possesso di una partecipazione rilevante in una società svizzera deve dichiarare la persona fisica che detiene la posizione di controllo ai sensi dell’articolo 963 cpv. 2 del Codice delle obbligazioni svizzero in qualità di beneficiario. Se tale persona non esiste, l’azionista deve informare la società.
  • In secondo luogo, si chiarisce che in tutti i casi in cui una società quotata in borsa detiene direttamente o indirettamente una partecipazione rilevante in una società svizzera, non è richiesta alcuna notifica di proprietà. Nel caso in cui una società quotata in borsa sia un azionista diretto o indiretto, l’identità di tale azionista (nome e sede legale della società quotata in borsa) deve essere notificata alla società.
  • In terzo luogo, si specifica che i cambiamenti nella persona del beneficiario effettivo devono essere segnalati alla società entro tre mesi dal verificarsi della modifica. Ad oggi, la legge non ha previsto una scadenza al riguardo, il che ha causato qualche incertezza.

Finora, le sanzioni per la violazione degli obblighi di divulgazione della proprietà benefica applicabili sono state limitate al fatto che gli azionisti non potessero esercitare la loro appartenenza e i loro diritti pecuniari e avessero perso i diritti pecuniari derivanti durante il periodo di non conformità. Con il nuovo Global Forum Act, il regime delle sanzioni cambierà considerevolmente:

  • chiunque non rispetti, intenzionalmente, gli obblighi di cui all’articolo 697j del Codice delle obbligazioni svizzero o l’articolo 790a non solo perderà i suoi diritti di proprietà, ma potrà anche essere multato.
  • I membri del consiglio di amministrazione o degli amministratori delegati che omettono deliberatamente di conservare il registro delle azioni o il registro dei beneficiari effettivi in ​​conformità con la legge o che violano gli obblighi derivanti dal diritto societario possono essere multati.
  • I procedimenti di carenza organizzativa possono essere avviati nei confronti di una società che non conserva il proprio registro azionario o registro dei titolari effettivi in ​​conformità con la legge. Le possibili misure che potrebbero essere adottate dal tribunale competente comprendono la fissazione di un termine per ripristinare lo status legale della società o, nel peggiore dei casi, lo scioglimento della società per ordine del tribunale.

In sintesi:

  • Emissione di azioni al portatore non più consentite dopo il 1 ° gennaio 2020.
  • Conversione automatica delle azioni al portatore esistenti in azioni nominative il 1 ° luglio 2022.
  • Nuove sanzioni per violazione degli obblighi di segnalazione esistenti da parte degli azionisti al portatore.
  • Sanzioni penali per violazione di obblighi di divulgazione di proprietà benefiche.
  • Sanzioni penali per non aver tenuto il registro delle azioni e il registro dei benefici della proprietà in conformità con la legge.

 

image_pdfDownload Pdfimage_printPrint

Richiedi maggiori informazioni

Giurisdizione (richiesto)

Nome e cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Telefono (richiesto)

In che giorno preferisci essere ricontattato?

In che orario?
minuti

Note

Leave a Comment