Regno Unito: panoramica sulla residenza delle imprese

Una società fiscalmente residente nel Regno Unito è generalmente soggetta a tassazione nel Regno Unito sui suoi profitti realizzati globalmente, a meno che non abbia effettuato una valida elezione di esenzione per le filiali estere.

Regole nazionali del Regno Unito sulla residenza fiscale delle società
Secondo le norme nazionali britanniche, una società è fiscalmente residente nel Regno Unito se:
• è stata costituita nel Regno Unito, o
• è gestita e controllata a livello centrale nel Regno Unito, che è una questione di fatto.
Il significato di “gestione e controllo centrale” deriva dalla giurisprudenza. È riferito al più alto livello di controllo del business di un’azienda. È un dato di fatto anche l’identificazione di chi esercita questo controllo e dove viene esercitato.

Doppia residenza fiscale
Altre giurisdizioni, per determinare la residenza, applicheranno i propri test nazionali, che possono differire dal test del Regno Unito, per determinare quando una società è residente fiscale in quel determinato paese.
Una società fiscalmente residente nel Regno Unito (magari, per il fatto che è registrata nel Regno Unito) può anche essere fiscalmente residente in un’altra giurisdizione secondo le sue norme interne (ad esempio, come conseguenza del fatto che il suo consiglio di amministrazione prende tutte le decisioni lì). “Doppia residenza” è il termine usato per descrivere la condizione di essere residenti in due giurisdizioni allo stesso tempo. La conseguenza della doppia residenza può essere che gli stessi profitti sono tassati due volte.

Trattati contro le doppie imposizioni
Per ridurre al minimo la doppia imposizione, molte giurisdizioni hanno stipulato trattati contro le doppie imposizione con altre giurisdizioni. Un trattato è stipulato da due stati, ciascuno noto come “stato contraente”.
Molti trattati contengono una clausola risolutiva sulla residenza. Questa clausola:
• entra in gioco quando una società è considerata come residente fiscale da entrambi gli Stati contraenti secondo le loro regole interne, e
• determina in quale degli Stati contraenti la società con doppia residenza è fiscalmente residente ai sensi del trattato.
La regola dirimente applicabile alle società può essere basata su un test oggettivo, come ad esempio il luogo di gestione effettiva della società, o dipendere dai due Stati contraenti che cercano, ma non sono obbligati, di concordare in quale dei due la società con doppia residenza debba essere considerata residente. Questo processo viene indicato come “mutuo accordo”.

Non residenti secondo il trattato
Il Regno Unito ha contratto un gran numero di trattati. Dove una società ha la doppia residenza nel Regno Unito e in un’altra giurisdizione, ai sensi delle rispettive leggi nazionali ed è, in conformità con il trattato pertinente, fiscalmente residente nell’altra giurisdizione, le norme del Regno Unito si riferiscono alla società come “non residente” secondo il trattato.
Una società non residente secondo i trattati è generalmente considerata non residente nel Regno Unito ai fini delle norme fiscali UK.

Implicazioni pratiche
Non tutte le giurisdizioni hanno stipulato trattati e non tutti i trattati contengono una clausola dirimente. Come sopra detto, alcuni trattati si basano sul reciproco accordo tra i due Stati contraenti per risolvere le questioni sulla doppia residenza, che può richiedere molto tempo. La maggior parte delle aziende vuole evitare questa incertezza e cercherà di risultare residente in una sola giurisdizione in base alle norme fiscali nazionali. Dove ciò riesce, i trattati sono irrilevanti nel determinare la residenza poiché i trattati determinano solo la residenza di una società nel caso in cui la stessa abbia la doppia residenza ai sensi delle norme nazionali dei due Stati contraenti.
Nel tentativo di evitare la doppia residenza, alcune società non registrate nel Regno Unito:
• adottano procedure volte a ridurre al minimo il rischio che, in base alle norme nazionali, risiedano nel Regno Unito per effetto del fatto che il consiglio di amministrazione (o altri importanti organi di governo) esercitano la gestione e il controllo centrali della società nel Regno Unito, e
• tengono conto di alcune di queste procedure nei loro atti costitutivi.
Queste procedure includono, tra l’altro, che:
• le riunioni del consiglio direttivo non devono essere tenute nel Regno Unito:
• gli amministratori non devono partecipare alle assemblee da remoto mentre si trovano nel Regno Unito: e
• solo una minoranza degli amministratori può essere residente o abitualmente residente nel Regno Unito.

Richiedi maggiori informazioni

Giurisdizione (richiesto)

Nome e cognome (richiesto)

E-mail (richiesto)

Telefono (richiesto)

In che giorno preferisci essere ricontattato?

In che orario?
minuti

Note

Leave a Comment